Bif&st 2018

PERCORSO CULTURALE TRA TRADIZIONI E VALORI CHE INTERPRETANO LA PUGLIA ATTRAVERSO IL CINEMA E IL TEATRO.
MOMENTO DI ALTA VISIBILITA’ PER LA CINEMATOGRAFIA E PER LE ECCELLENZE AGROALIMENTARI.
FOOD FILM AWARDS 2019

PREMIO MENELAO A SANTA CHIARA
Un premio che deve raccontare l’enograstronomia attraverso il cinema e il teatro.
La giuria che attribuirà i riconoscimenti (da valutare con i responsabili del Bi&st) sarà composta dal pubblico presieduta da uno scrittore che racconta la storia dell’enogastronomia o della cultura del cibo o della storia ed evoluzione nel settore dell’agricoltura.
La seconda giuria sarà composta da esperti del settore della cinematografia.
Tempi del concorso: maggio 2018 – marzo/aprile 2019.

La Rassegna cinematografica internazionale identifica nel cibo in tutte le sue declinazioni, il suo tema centrale, attraverso produzioni proveniente da tutto il mondo.

Si darà spazio ad incontri, appuntamenti, degustazioni, presentazione di ospiti illustri del mondo del cibo che diano lustro e visibilità all’evento. Si realizzeranno incontri con focus di approfondimento in cui si dialogherà sui temi della sana alimentazione, con il contributo di alcuni professionisti, esperti e di rappresentanti del mondo accademico e della ricerca; sulle ricchezze di Puglia (vino, olio, grani,prodotti
tipici) raccontate sia dall’interno con le esperienze di esperti ed operatori di settore, nonché dei produttori, sia dall’esterno con la partecipazione di importanti ospiti dal mondo enogastronomico italiano ed internazionale.
I protagonisti del premio sono “Gli interpreti della natura”
Si dà nei luoghi comuni importanza in maniera generica ai vari ambiti - pesca - agricoltura - allevamento.
In questo contesto si vuole dare rilevanza alla figura dei veri artefici dell’evoluzione dei tre settori:
IL PESCATORE: la sua vita diventa elemento essenziale del progetto. I dettagli del suo lavoro, le sue emozioni, le sue paure, i suoi sogni, la realtà in cui vive e ciò in cui crede, la forza che lo spinge ogni giorno ad affrontare quella lunga distesa d’acqua chiamata MARE.
L’AGRICOLTORE: la sua vita, il contatto con la terra, l’esperienza e la conoscenza del tempo, delle stagioni, dei cambiamenti climatici, della risorsa che calpestiamo ogni giorno generando ricchezza o povertà, consumando ossigeno o incrementandone altro con il rispetto , generando peccati insormontabili a danno dell’ambiente e di conseguenza alla vita di ogni essere umano.
L’ALLEVATORE: ogni anno vengono allevati miliardi di animali nel mondo per la nostra alimentazione.
La storia dell’allevatore racconta la differenza dei diversi allevamenti, con animali anche geneticamente selezionati per una produttività maggiore e confinati in edifici sovrappopolati dove spesso non riescono ad esprimere comportamenti naturali della propria specie. Dal lavoro estenuante dell’allevatore, però, nascono anche tante etichette di qualità di prodotti che si avvicinano sempre più alla concezione dell’eco sostenibilità, della biodiversità, del biologico, assicurando migliori condizioni di vita per gli animali e per chi usufruisce di questo genere di alimentazione.
L’interazione con le altre strutture diventa parte essenziale del progetto, determinandone il NETWORK CULINARIO che porta valore aggiunto al turismo pugliese.
La Puglia, tutta, viene coinvolta grazie ai prodotti provenienti da ogni area territoriale regionale. Turi, piccolo comune che accoglie Menelao a Santa Chiara, ristorante di gastronomia d’eccellenza, recinsito in tutte le guide più in auge italiane, diventa la porta della Valle d’Itria e luogo di culto attrattore e influencer per il territorio e i suoi prodotti e per la scelta di luoghi dove si racconta l’arte culinaria.